28 Ottobre 2021
Ricorso al TAR per le ore di sostegno negate ai Bambini Disabili a scuola

Ricorso al TAR per le ore di sostegno negate ai Bambini Disabili a scuola

Più diritti per i disabili. Questo è lo slogan con cui si riempiono la bocca tutti i politici italiani.

Vi racconto in verità cosa succede da anni in Italia.

I bambini disabili hanno diritto ad un certo numero di ore, in base alla scuola che frequentano (primaria o secondaria), che non riescono a coprire tutte le ore di scuola.

Mia figlia Federica, una ragazza autistica, frequenta la seconda media e ha diritto a 18 ore settimanali con la maestra di sostegno, solo che le ore di scuola ne sono 30.

Come potrete immaginare ha molte ore scoperte e per averle dovrei fare un ricorso al TAR, il quale potrebbe costarmi dai 1000,00 ai 1500,00€. AVETE CAPITO BENE!

È pur vero che puoi farti assistere da avvocati e CAF che non ti fanno spendere un soldo, puoi trovare chi ti fa anticipare la cifra e poi ti restituisce l’intera somma.

Però il punto è un altro. Perché devo fare un ricorso per avere un diritto sacrosanto?

Perché devo fare un ricorso per avere il diritto allo studio per mia figlia?

Perché non si risolve questo problema che da anni vivono le famiglie dei bambini e ragazzi disabili?

Il diritto all’istruzione del minore disabile costituisce, infatti, un diritto fondamentale, di rango costituzionale, che va rispettato e tutelato con rigore ed effettività affinché il ragazzo possa godere del supporto necessario a garantire la soddisfazione dei propri bisogni di sviluppo, istruzione e partecipazione alla vita collettiva.

Scritto da
Pietro De Filippis
Partecipa alla discussione

Pietro De Filippis

Webmaster - UX/UI Designer

Per la web community sono TecnikGeek.
Vivo con mia moglie e le mie tre bellissime bambine a Casoria in provincia di Napoli. Il web è da sempre la mia passione tanto che ci passavo più tempo che a lavoro, ecco perchè oggi è il mio solo lavoro…

Nota bene

Questo Sito Web non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Il curatore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete.

Il fatto che il Sito Web fornisca questi collegamenti non implica l’approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Il curatore del sito non ha alcuna responsabilità per le segnalazioni riportate nei commenti e per i loro contenuti. Ciascun commento o post inserito vincola l’autore dello stesso ad ogni eventuale responsabilità civile e penale.